#MejorDesnudosQue: brutalità e protesta in Venezuela

#MejorDesnudosQue: brutalità e protesta in Venezuela
Condivisioni sui Social
Pin It

Nel primo articolo abbozzai un’idea di piano editoriale, ovvero di quella serie di argomenti di cui mi vorrei occupare in questo spazio. Mancava un tema che mi ha sempre appassionato molto: quello della protesta popolare via social network. In particolare tramite Twitter. Una piattaforma spesso ignorata e trattata male nonostante si sia rivelata, nel corso degli anni, un potente mezzo di trasmissione delle informazioni real time.

Questa settimana ha attirato la mia attenzione un hashtag che di tanto in tanto appariva tra i Trending Topic del mio profilo: #MejorDesnudosQue, coniato da movimento studentesco venezuelano che dall’inizio di febbraio è impegnato in una serie di proteste di piazza contro il governo di Nicolas Maduro.

Diverse centinaia di foto che ritraggono persone nude in segno di protesta contro un aggressione subita qualche settimana fa da uno studente dell’Università centrale del Venezuela ad opera di un gruppo di sostenitori filo-governative armati. Un gruppo armato che, dopo aver fatto irruzione nel campus, ha picchiato diversi studenti costringendo uno di questi a denudarsi (come è possibile vedere nella foto riportata qui sotto).

La foto, pubblicata su Twitter, ha provocato uno sdegno e un’indignazione tale da spingere centinaia di persone a fotografarsi nude per protestare contro l’evento e manifestare il proprio appoggio alla vittima delle violenze.

Ecco un elenco dei tweet più popolari:


Per maggiori informazioni sul movimento di protesta Venezuelano consiglio di visitare il sito www.difundir.org

Condividilo sui Social
Pin It

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>